Copenhagen

da Valeria Gluten Free
0 Commento

The logo of the official page of Copenhagen is the shape of the Little Mermeid with a written “Wonderful Copenhagen”. And so that is Copenhagen: wonderful.

One of those cities that you put in the list “I have to go back.”
Now I will NOT tell you that:
1) there is a site (this one) that tells you all you need to know about Copenhagen
2) the cheapest hostels are thisthis and this
3) you have to walk to the famous Little Mermeid
4) even if you are not fond of smoking cannabis, a trip to Christiana is a must. I tell you, I went there and I spent all my time to rumble through the narrow streets of this town which claims to be a defender of the freedom and democracy BUT forbids you to take pictures. Clearly taking photos is less healthy than smoking cannabis outdoors.
5) once you’re there, rent a bike to really understand what it means to have a city with cycling lanes (Yes!). It costs about 10-11 euro per day, lock and lamps included (lamps are mandatory during the night, if you do not put them, 70 euro penalty).
BUT I will tell you:
1) You must prepare yourself psychologically to the fact that is very expensive compared to the Italian standards
2) that you should book well in advance. The hostels are a good alternative to the hotel (I used the site www.airbnb.com)
3) 4 days or a period of 3-4 years is the ideal time to stay in this city
4) that only see the Copenhagen Metro will make you feel as citizens of a country, Italy, which is definitely old
5) that you should definitely go to the beach in Amager Strand, which is located only 4 metro stops from the main square of the city
6) you should definitely visit it!

Photos!

Il logo della pagina ufficiale di Copenhagen rappresenta la sagoma della Little Mermeid con affianco una scritta “Wonderful Copenhagen”. Ed è proprio così che mi viene da raccontarla Copenhagen: meravigliosa.


Una di quelle città che si mette nella lista “Devo tornarci”.

Ora non vi dirò che:
1) c’è un sito (questo) che vi dice tutto quello che dovete sapere su Copenhagen
2) gli ostelli più convenienti sono questoquesto e questo

3) merita arrivare a piedi alla famosissima Little Mermeid
4) anche se non siete appassionati fumatori di cannabis, una capatina a Christiana è d’obbligo. Io, vi dico, ci sono andata ed ho passato tutto il tempo a brontolare tra le viuzze di questa cittadina che si proclama difenditrice della più assoluta libertà e democrazia che ti vieta di fare foto. Evidentemente fare foto è meno salutare che farsi una canna all’aria aperta.
5) una volta che ci siete, fittate una bici per capire realmente cosa significa avere una città con delle piste ciclabili (EhGià!). Costa sui 10-11 euro al giorno e vi vengono forniti lucchetto e luci, queste ultime obbligatorie durante la notte. (Se non le mettete, 70 euro di multa).

MA vi dirò che:
1) dovete prepararvi psicologicamente al fatto che è carissima rispetto agli standard italiani
2) che vi conviene prenotare con largo anticipo, che gli ostelli sono una buona alternativa agli hotel (io ho utilizzato il sito www.airbnb.com)
3) che 4 giorni o un 3-4 anni è il lasso di tempo ideale per stare in questa città
4) che il solo vedere la metropolitana di Copenhagen vi farà sentire come cittadini di un paese, l’Italia, che è decisamente vecchio
5) che dovete assolutamente andare alla spiaggia di Amager Strand, che si trova a sole 4 fermate di metro dalla piazza principale della città
6) dovete assolutamente visitarla.

Foto!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cafè and Restaurant Ofelia

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie per archiviare delle statistiche che permettono di migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul sito web accetti l’utilizzo dei cookie. Accetto Leggi di più